Candele di cioccolato


Ecco un bel (e buono) centrotavola natalizio.




Si tratta del classico salame di cioccolato xmas version :-)


400 g oro saiwa
150 g zucchero
75 g cacao amaro in polvere
4-5 fichi secchi
2 cucchiai whisky
300 g cioccolato fondente
200 g cioccolato bianco
zucchero a velo


Tritare i biscotti con il mattarello, unire il burro ammorbidito a pezzetti, lo zucchero, il cacao, i fichi tritati e il liquore.
Amalgamare il tutto e formare due rotoli da avvolgere separatamente nella carta stagnola e riporre in frigorifero per 2 ore.
Sciogliere separatamente i 2 cioccolati a bagnomaria, ricoprire le candele facendo colare dei rivoli di cioccolato come se fosse cera sciolta.
Usare come stoppino delle candele il picciolo della mela.
Stendere su un foglio di carta forno il cioccolato fondente rimasto con un pennello, far rapprendere e ritagliare delle foglie con uno stampino per biscotti.
Mettere le due candele al centro di un piatto, decorare tutt'intorno con le foglie di cioccolato e spolverare con lo zucchero a velo.

M'ama non m'ama




Tratta dal calendario Paneangeli 2010 - mese di febbraio - e direttamente consegnata ai vicini di casa come dono natalizio.
Ho apportato alcune piccole modifiche alla ricetta originale.


per l'impasto
4 uova
100 g zucchero
1 fialetta aroma al limone
1 pizzico sale
125 g farina 00
75 g maizena
1/2 bustina lievito
zucchero a velo


per la farcitura e la decorazione
250 ml acqua
35 g zucchero
3 cucchiaini caffè solubile
2 fogli gelatina
4 tuorli
100 ml martini bianco
100 g zucchero
1 cucchiaino essenza di vaniglia
200 ml panna da montare
500 g mascarpone
cacao amaro


Sbattere i tuorli con 4 cucchiai di acqua bollente, aggiungere lo zucchero, l'aroma di limone e il sale e sbattere fino ad avere una massa cremosa.
Montare gli albumi a neve fermissima, metterli sopra i tuorli e setacciarvi sopra la farina mista a maizena e, per ultimo, il lievito.
Con la frusta a mano amalgamare delicatamente il tutto.
Mettere 1/4 del composto in una sac à poche, formare 8 strisce di 10x2 cm circa su una piastra ricoperta con carta forno e cuocerle in forno a 180° per 7-8 minuti.
Far raffreddare su una gratella e cospargere con zucchero a velo.
Mettere il resto dell'impasto in una tortiera a cerniera di 26 cm di diametro foderata con carta forno e cuocere a 180° per 35 minuti.
Preparare la bagna mescolando acqua, zucchero e caffè.
Tagliare dalla superficie del dolce un disco sottilissimo e sbriciolarlo.
Tagliare in 2 strati il dolce rimanente.
Ammollare la gelatina in acqua fredda.
In una ciotola posta su un bagnomaria montare, con una frusta a mano, i tuorli, la metà del liquore, lo zucchero e la vaniglia.
Montare la panna.
Incorporare al composto raffreddato il mascarpone e, per ultima, la panna montata.
Scaldare il liquore rimasto senza farlo bollire, togliere dal fuoco e sciogliervi la gelatina strizzata e incorporare alla crema.
Disporre su un piatto il primo strato di dolce, circondarlo con un cerchio apribile, bagnare con metà della bagna, versare metà della crema e distribuire uniformemente.
Sovrapporre l'altro strato di dolce e ripetere l'operazione.
Spolverare la superficie con cacao e far riposare in frigorifero per 2 ore.
Staccare il cerchio e decorare con i petali e le briciole creando una margherita.





Palla di uova al tegamino



Questo è un regalo di Natale per Carlo, un mio collega golosissimo di caramelle.
Basta prendere una palla di polistirolo e fissare su di essa con degli stuzzicadenti le caramelle a forma di uovo al tegamino.
Tagliare con un tronchese le parti degli stuzzicadenti in eccesso...mettere un cordoncino al centro...per appenderla....et voilà:




Alberelli & Co



Il Natale è sempre più vicino e il minimo che possa fare è preparare dei piccoli pensieri per amici e colleghi...


Ho preparato una vagonata di impasto, così mi sono sbizzarrita con prove ed esperimenti.


Ho comprato tempo fa uno stampo per alberello con piedistallo...secondo me va studiato meglio l'ingranaggio..qualcosa sono riuscita a combinare, ma non sono pienamente soddisfatta del risultato.


Gli alberelli di stelle concentriche, invece, mi son venuti proprio bene....





900 g farina 00
375 g burro
300 g zucchero
60 ml latte
1 cucchiaio zenzero
1 cucchiaio cannella
3 cucchiai cacao amaro
3 uova
1 bustina lievito


40 g albumi
200 g zucchero a velo
1 cucchiaino succo di limone
confettini colorati


Lavorare il burro (temperatura ambiente) e lo zucchero con le fruste elettriche fino a renderlo cremoso.
Versare il latte ed un uovo alla volta sbattendo sempre con le fruste elettriche. Salare.
Incorporare la farina setacciata con il lievito e lavorare fino ad avere un panetto.
Dividere il panetto in tre parti ed aggiungere a uno lo zenzero, a uno la cannella, a uno il cacao.
Avvolgere ogni parte con la pellicola e metterli in frigorifero a riposare per almeno 30 minuti.
Riprendere gli impasti, stenderli su una spianatoia e ritagliare le forme desiderate.
Riporre i biscotti su una piastra ricoperta con carta forno ed infornare a 180° per 12 minuti.
Sfornare, mettere a raffreddare su una gratella e passare alla decorazione.


In una ciotola versare gli albumi e il limone, aggiungere a poco a poco lo zucchero a velo continuando a montare con le fruste elettriche fino ad avere una glassa soda.


Per gli alberelli ritagliare delle stelle di 5 misure diverse (2 al cioccolato, 2 allo zenzero, una alla cannella - alternate). 
Mettere in una sac à poche, incollare le stelle tra loro - in scala - sfalsando le punte e decorare con i confettini.
















Fagotto di mortadella



Ecco il pranzo della domenica...spiccio spiccio...avendo passato tutta la mattinata a preparare alberelli...





mortadella 
mozzarella


Semplicemente: stendere la pasta per la pizza in un rettangolo, farcire con uno strato di mozzarella e uno di mortadella.
Richiudere come per uno strudel.
Spennellare con olio evo e infornare a 200° per circa 30 minuti

Fossette dei golosi



Ecco dei biscottini facili facili che sono la fine del mondo...libidinosi...bisognerebbe chiamarli ciliege al cioccolato perchè uno tira l'altro in un modo pazzesco...creano dipendenza!!!





La ricetta è tratta da più dolci (ho modificato solo piccole quantità).


300 g farina 00
70 g maizena
50 g cacao amaro in polvere
2 cucchiaini lievito
1 pizzico sale
250 g  burro
100 g zucchero
3 tuorli


200 g cioccolato bianco
zucchero


Montare i tuorli con lo zucchero e il burro, unire la farina setacciata con la maizena, il cacao, il lievito e il sale.
Impastare formando una palla. Mettere in frigorifero avvolta in pellicola per 30 minuti.
Formare delle palline, passarle nello zucchero e formare una fossetta al centro.
Disporre su una placca - ricoperta con carta forno e cuocere a 175° per 15 minuti.
Sfornare e mettere a raffreddare su una gratella.
Fondere il cioccolato a bagnomaria e colarlo nelle fossette.
Lasciar rapprendere.

Albero di Natale allo zafferano

Ormai l'atmosfera natalizia si sente ovunque...luminarie, alberelli, palline....ecco il mio alberello di Natale!



500 g farina 00 
100 g burro 
50 g zucchero 
4 uova 
1 bicchiere scarso latte 
25 g lievito di birra fresco 
1 bustina zafferano
50 g farina di mandorle 
1 pizzico sale fino
50 g granella di zucchero 
30 g mandorle 




Versare in una ciotola la farina di mandorle e lo zucchero. 
Unire la farina setacciata. 
In una ciotolina sciogliere un cucchiaino di zucchero e il lievito nel latte tiepido (37°).
Nel frattempo far fondere il burro dolcemente senza farlo friggere e lasciarlo intiepidire. 
Unire 3 uova intere ed un tuorlo alla miscela di farina, amalgamare, unire il burro e il lievito diluito nel latte, cui è stato aggiunto lo zafferano.
Aggiungere il sale e lavorare bene con le mani fino ad ottenere un impasto omogeneo piuttosto molle. 
Racchiudere l’impasto in un telo precedentemente bagnato con acqua molto calda e ben strizzato.
Introdurre in un sacchetto di plastica e lasciar riposare in luogo tiepido per 1 ora. 
Sbattere il sacchetto più volte sul ripiano con energia e lasciar riposare ancora 1 ora.
Trasferire l’impasto in uno stampo a forma di alberello – precedentemente imburrato ed infarinato (non se è di carta monouso come il mio) – cercando di distribuirlo bene, senza lasciare spazi vuoti. 
Lasciar riposare ancora 1 ora.
Riscaldare il forno a 180°. 
Montare a neve l’albume rimasto e spennellarlo sulla superficie del dolce; distribuire sulla stessa la granella di zucchero e le mandorle intere. 
Cuocere in forno per circa 35 minuti. 
Lasciar raffreddare e sformare.



Tegole della sfortuna




Chiamate così non perchè portano sfortuna....bensì perchè nascono dalla s...a che ho nel non riuscire a fare i biscotti della fortuna!!!
E' la seconda volta che ci provo (ho anche preparato tutti i bigliettini da inserire!!!) ma non mi riesceeeeeee... ho provato - come consigliato - a farne uno alla volta in modo da avere il tempo di piegare il biscotto prima che indurisca...ma appena tolto dal forno è molliccio....dopo pochi secondi appena cerco di piegarlo si spezza! e poi ancora ancora piegarlo a metà...avvicinare le estremità per dargli la tipica forma è pura utopia......se qualcuno li ha fatti....please mi sveli il segreto (ci sarà un segreto??? o sono proprio imbranata???)
La prima volta - spazientita - ho buttato tutto l'impasto....che era fatto - seguendo una ricetta tipica - solo con albume, acqua, olio e farina.
Questa volta - avendo deciso di seguire un'altra ricetta più "appetitosa" che prevedeva l'uso anche di farina di mandorle - ho pensato di utilizzare l'impasto per fare altro e mi sono venute in mente le tegole.
Però...dico però...son riuscita a rovinare anche quelle, nel senso che una volta fatte erano belle croccanti, poi ho pensato bene di lasciarle in cucina mentre cuocevo la pasta e - nonostante la cappa accesa - c'era vapore ovunque.... son diventate tutte mollicce!!! dire sfortuna è un eufemismo!!!


30 g farina 00
185 g zucchero (meglio 100 g a mio parere)
125 g farina di mandorle
3 albumi
1 cucchiaio succo di limone
3 cucchiai succo di arancia
40 g olio


Mettere in una ciotola la farina setacciata, lo zucchero e la farina di mandorle.
Mischiare bene per amalgamare il tutto.
Aggiungere gli altri ingredienti e sbattere con un frullatore elettrico fino ad avere un composto omogeneo.
Su una piastra ricoperta con carta forno formare con il composto dei cerchi non troppo sottili e cuocere a 180° per 5-10 minuti.
Togliere dal forno e premere i cerchi su un mattarello in modo da ottenere la tipica forma delle tegole.

Strudel del contadino




Al contadino che ha fame...piace un sacco lo strudel col salame!!!
e il broccolo? broccola....


Allora...ho aperto il freezer ed ho visto pasta sfoglia...salame a pezzettini e scaglie di pecorino....nel frigo  il broccolo....


Ho cotto il broccolo a vapore, ho fatto scongelare tutto il resto e grattugiato - separatamente - pecorino e salame.


A questo punto: strato di salame mischiato a pecorino e pezzetti di broccolo qua e là sulla sfoglia rettangolare, chiusura a strudel, pennellata di latte e ... in forno a 200° per circa 30 minuti...passatina sotto il grill.....pronto!

Ogni riccio ... un capriccio???



Sempre per il regalo che devo fare, con la stessa pasta frolla della ricetta precedente ho deciso di fare questi ricci.
cioccolato al latte
codette colorate
codette al cioccolato
gocce di cioccolato
confettini argentati


Dopo aver steso la pasta, l'ho ritagliata con un tagliabiscotti a forma di uovo.
Cottura in forno: 180° per 12-13 minuti.
Fatti raffreddare su una gratella, ho pennellato la parte più larga con del cioccolato al latte fuso e l'ho rotolato nelle codette.
Sempre con il cioccolato ho attaccato naso (gocce di cioccolato) e occhi (confettini argentati).
















Biscotti con le finestrelle



Come tutti nel periodo natalizio anch'io mi dedico alla produzione di biscotti.
Per ora comincio con dei biscotti con le finestrelle che di solito piacciono molto ai bambini (dovendo fare  un regalo...)





500 g farina 00
250 g burro
150 g zucchero
2 uova
30 g cacao
2 cucchiai acqua


caramelle dure colorate


Preparare la frolla impastando dapprima la farina setacciata con il cacao ed il burro fino ad avere un composto sbricioloso, aggiungere lo zucchero, le uova e l'acqua ed impastare velocemente fino ad ottenere una palla.
Avvolgerla in pellicola e metterla a riposare in frigorifero per  almeno mezz'ora.
Stendere la pasta dello spessore desiderato e ritagliare i biscotti.
Fare un buco nel mezzo e adagiarvi delle caramelle sbriciolate.
Cuocere in forno - su una piastra ricoperta con carta forno - a 180° per 12-13 minuti.
Per quanto riguarda le forme io ho optato per delle stelle con buco a forma di stellina, degli alberelli con buco ovale, bimbo e bimba col buco nella pancia!!!

Lasagne alle ortiche con asparagi e mazzancolle



Quest'estate in Liguria ho trovato le lasagne alle ortiche e non ho saputo resistere...considerando che la pasta alle erbe di solito ha un gusto molto forte, ho comprato della stessa marca anche le lasagne classiche da alternare....





Ho utilizzato per questa ricetta - inventata di sana pianta domenica mattina - una teglia quadrata di 23 cm di lato.


Quindi:


8 fogli di lasagne alle ortiche
8 fogli di lasagne classiche
una trentina di asparagi surgelati
500 g mazzancolle surgelate
besciamella (preparata con 750 ml latte)
parmigiano grattugiato


Per prima cosa cuocere al vapore gli asparagi e tagliarli a pezzettini piccoli (eliminando la parte finale della gamba troppo dura).
Stesso procedimento per le mazzancolle (eliminando i gusci ovviamente).
Preparare la besciamella e unire gli asparagi.
Mettere a bollire una pentola d'acqua con del sale grosso e scottare le lasagne per un paio di minuti.
Mettere dell'olio evo e qualche cucchiaio di besciamella sul fondo della teglia, fare uno strato di lasagne bianche, (*) coprire con la besciamella agli asparagi, un po' di mazzancolle e del parmigiano grattugiato.
Fare uno strato di lasagne alle ortiche e ripetere l'operazione (*) fino ad esaurimento degli ingredienti.
Terminare con uno strato di besciamella, mazzancolle e parmigiano.
Coprire la teglia con carta stagnola ed infornare a 200° per circa 40 minuti, scoperchiare e continuare la cottura ancora per 15 minuti. Passare per qualche minuto sotto il grill.

Marshmallows e ancora marshmallows



Sempre per la festa di Carlotta ecco una serie di dolcetti creati con i marshmallows e della glassa.


















Serpentelli



Ecco l'ennesima festa..........la festa di Carlotta, un'amica della Ross, ed ecco per lei dei serpentelli tratti da tempodicottura e leggermente reinterpretati.







100 g succo di albicocca
100 g olio di semi
60 g zucchero
50 g miele
400 g ca farina 00
1 bustina scarsa cremortartaro
gocce di cioccolato


Sciogliere lo zucchero e il miele nel succo, aggiungere l'olio e, per ultima, la farina setacciata con il lievito.
Mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo non troppo appiccicoso, prelevare delle piccole quantità di impasto da modellare a forma di serpentello.
Posizionare le gocce di cioccolato a formare gli occhi, mettere i serpentelli su una piastra - ricoperta con carta forno - e cuocere in forno a 170° per 15 minuti.
Far raffreddare su una gratella



Fettine al cioccolato


Per questi biscottini ho preso spunto da delizia orientale di fior di frolla ed ho apportato piccole modifiche.





200 g burro
250 g farina 00
100 g mandorle pelate
80 g datteri + 1 fico secco
90 g zucchero
1 pizzico sale
1 cucchiaio miele
1 albume
40 g cacao amaro in polvere


Per prima cosa ho messo il burro nello sbattitore elettrico ed ho azionato fino a ridurlo in pomata, poi ho aggiunto separatamente lo zucchero, il sale, il miele, l'albume e il cacao setacciato ed ho azionato le fruste fino ad avere un composto omogeneo.
A questo punto ho messo il gancio per impastare ed ho aggiunto la farina setacciata...ovviamente ho dovuto finire di impastare a mano dopo aver aggiunto anche i datteri e le mandorle tagliati a pezzettini.
Con l'impasto ottenuto ho formato due rotoli di circa 4-5 cm di diametro che ho messo in frigorifero fino a totale indurimento.
Ho tagliato i rotoli a fettine di 1,5 cm che ho messo sulla placca del forno ricoperta con carta forno ed infornato a 180° per 10 minuti.
Una volta sfornati, ho messo le fettine a raffreddare su una gratella (dopo qualche minuto, per evitare che si rompessero).

Palline sbagliate




Perchè sbagliate? perchè avevo intenzione di fare tutt'altro...ho combinato un pasticcio raggrumando il cioccolato e - mentre stavo per buttare tutto in pattumiera - ho avuto l'ispirazione di fare queste palline ... del resto era tutta roba buona... un peccato cestinarla! è che quando non ti riesce di fare quello che hai in mente ... il primo istinto è quello di cestinare tutto... come un raptus...almeno...per me è così!!!


200 g cioccolato al latte
35 g muesli
20 g riso soffiato
100 g cioccolato bianco da copertura


Fondere il cioccolato al latte a bagnomaria, aggiungere il muesli e il riso soffiato e mescolare bene.
Formare delle palline e metterle in frigorifero.
Una volta indurite, ricoprirle con il cioccolato bianco e rimetterle in frigorifero a rassodare.

Roselline alle mandorle con cioccolato


Allora ... cominciamo così la storia di questi dolcetti e dei prossimi che posterò tra oggi e domani.
Mercoledì 18 novembre è il compleanno di Ludovico il bello, uno dei soprannomi che gli ho attribuito da quando lavora con noi (circa 2 mesi), dovuto al fatto che il suo fascino ha creato un certo risveglio ormonale tra le carampane dell'ufficio!!! ahahah ..... se leggono mi ammazzano!!! beh ma non ho fatto nomi ... e poi ... la pubblicità è l'anima del commercio.....
Torniamo a noi: Ludovico non vuole festeggiare però ha chiesto esplicitamente una torta ... poichè una torta è abbastanza impegnativa e presuppone una sorta di festeggiamento e poi non ho il tempo di farla il giorno prima, ho pensato - considerando che Ludo è amante del cioccolato - di fare diversi biscotti tra cui le roselline alle mandorle postate qualche giorno fa (e apprezzate parecchio da Ludo) con aggiunta di cioccolato.


Eccole!



Simil cantucci all'anice e farina di mais







Questa ricetta è tratta da "Il libro d'oro dei biscotti".



per l'impasto
225 g farina 00
1 cucchiaino bicarbonato
2 uova
200 g zucchero
2 cucchiai liquore all'anice (ouzo)
50 g farina di mais fumetto
1 cucchiaino semi di coriandolo
45 g mandorle
sale


per la glassa
1 tuorlo
2 cucchiai latte
zucchero


In una ciotola montare con le fruste elettriche lo zucchero e le uova fino ad avere un composto soffice e cremoso.
Unire la farina di mais, il liquore all'anice (ouzo) e i semi di coriandolo pestati.
Aggiungere la farina - setacciata con il bicarbonato e un pizzico di sale - e le mandorle tagliate a metà per il lungo.
Amalgamare bene il tutto fino ad avere un composto appiccicoso con il quale formare 3 panetti piatti della larghezza di 6 cm circa da mettere ben distanziati sulla placca del forno - ricoperta con carta forno.
Preparare la glassa sbattendo il tuorlo con il latte e pennellare i panetti, cospargerli di zucchero ed infornare a 150° per 30 minuti circa o finchè consistenti al tatto.
Toglierli dal forno e, dopo qualche minuto, tagliarli diagonalmente dello spessore di 1 - 1,5 cm e rimettere in forno per circa 10 minuti a biscottare.
Sfornare e mettere a raffreddare su una gratella.


Treccia nobile




Nobile perchè - pur essendo una semplicissima treccia all'uvetta ... il che sa anche un po' di popolare - è tratta dal libro di Lorenza De' Medici Stucchi ... che sa di nobile!


100 g uvetta
25 g lievito di birra (20 per la ricetta originale)
1/8 l latte
450 g farina 00 (400 per l'originale)
3 uova
50 g zucchero
100 g burro (strutto per l'originale)
1 pizzico sale


la ricetta originale prevede anche la scorza di 1/2 limone e la granella di zucchero che io non ho utilizzato...il limone perchè non avevo in casa limoni non trattati e la granella perchè a casa mia non piace a nessuno...tranne ai miei nipoti che staccano solo quella e lasciano tutto il resto!!!


Ho messo l'uvetta in ammollo in acqua calda.
Nel frattempo ho sciolto in una ciotola il lievito nel latte tiepido, ho unito 50 g di farina ed ho messo a lievitare coperto per circa 30 minuti in luogo tiepido (vicino al camino!).
In un'altra ciotola ho messo la restante farina, 2 uova, lo zucchero, il sale, il burro, l'uvetta e, per ultimo, il panetto di lievito ed ho lavorato fino ad avere un impasto morbido ed elastico che ho messo a lievitare in una terrina coperta per 2 ore (fino al raddoppio).
Poi ho ripreso la pasta, l'ho lavorata per sgonfiarla e ho formato 2 rotoli uguali che ho sistemato sulla placca del forno - ricoperta con carta forno - per 1 ora.
A questo punto ho fatto la treccia, l'ho spennellata con l'uovo sbattuto ed infornato a 180° per circa 30 minuti.

Montagnette rocciose






2 albumi
125 g zucchero
35 g cereali
125 g cioccolato fondente


Montare gli albumi a neve, aggiungere gradatamente lo zucchero continuando a montare.
Con un cucchiaio unire all'impasto i cereali e il cioccolato grattugiato.
Con due cucchiaini formare dei mucchietti su una piastra ricoperta con carta forno e infornare a 160° per 20 minuti.
Sfornare e mettere a raffreddare su una gratella.

Biscottini dell'Ucraina








200 g farina 00
60 g maizena
110 g cioccolato fondente
180 g burro
100 g zucchero a velo
2 cucchiai caffè


mandorle
chicchi di caffè ricoperti di cioccolato


Per prima cosa sciogliere il cioccolato a bagnomaria.
Lavorare lo zucchero a velo con il burro ammorbidito fino ad ottenere un composto cremoso, unire il cioccolato e il caffè e amalgamare bene il tutto.
Aggiungere, infine, la farina setacciata con la maizena.
Mettere il composto in una sac à poche con bocchetta a stella (1 cm) e formare delle roselline sulla piastra ricoperta di carta forno.
Decorare con una mandorla o un chicco di caffè ed infornare a 180° per 15 minuti.
Sfornare e mettere a raffreddare su una gratella.

Roselline alle mandorle


Nella ricetta precedente ho utilizzato solo albumi....come impiegare i tuorli? Con queste roselline tipo ovis mollis.





100 g farina 00
50 g fecola
100 g burro ammorbidito
40 g zucchero a velo
50 g farina di mandorle
3 tuorli sodi passati al setaccio
essenza di mandorla amara
mandorle


Impastare tutti gli ingredienti come per una frolla, mettere l'impasto in una sac à poche con bocchetta a stella e fare delle roselline sulla piastra ricoperta con carta forno.
Decorare ogni rosellina con una mandorla intera e mettere a riposare in frigorifero per mezz'ora.
Infornare a 170° per 20 minuti. 
Sfornare e far raffreddare su una gratella.

Pan dei morti






Ricetta presa da Giallo Zafferano e da me modificata.


80 g amaretti
200 g biscotti secchi (lisci e e ai cereali)
130 g farina di mandorle
120 g fichi secchi
200 g zucchero
250 g farina 00 + 10 g lievito
1 cucchiaino cannella in polvere
1 cucchiaino noce moscata in polvere
50 g cacao
6 albumi
120 g uvetta
100 ml martini bianco


zucchero a velo per decorare


Tritare nel mixer tutti i biscotti e metterli in una ciotola.
Aggiungere la farina di mandorle, i fichi tagliati a pezzetti, lo zucchero, la farina, il lievito, la noce moscata, la cannella, il cacao, gli albumi e l'uvetta ammollata per 10 minuti in acqua tiepida e strizzata.
Amalgamare bene unendo a poco a poco il liquore.
Formare dei panetti di circa 90 g, adagiarli sulla piastra da forno ricoperta con carta forno e appiattire leggermente.
Fare un leggero taglio lungo il panetto e infornare a 180° per 25 minuti.
Sfornare, cospargere di zucchero a velo e mettere a raffreddare su una gratella.

Calo di zuccheri o bisogno di coccole?





Sarà il tempo, saranno gli schemi in cui siamo costretti a vivere..... ma oggi mi è venuta una botta di depressione...ho sentito il bisogno di qualcosa di very strong .... e con 2 mozzarelline e dei cavolfiori bolliti nel frigorifero....cosa potevo fare se non saccheggiare il supermercato dopo l'ufficio!!!???
A dir la verità prima ho saccheggiato il panettiere sotto l'ufficio: mi son ingollata un bel pezzo di focaccia mentre me ne tornavo a casa a piedi (per smaltire un po' di calorie...altrimenti altro che depressione!!!).
Una volta arrivata sotto casa, mi sono fiondata nel supermercato e ho saccheggiato lo scaffale dei cioccolatini.
Adesso sono depressa lo stesso e con il mal di stomaco...ahahahahahahah..... e con i sensi di colpa per la linea....però ho saltato la cena!


Ecco i resti della mia scorpacciata:















Tartellette alle noci caramellate







per la frolla
500 g farina
250 g burro
1 uovo + 1 tuorlo
sale
50 ml vino bianco


per il ripieno
3 uova
30 g burro
40 g farina
sale
70 g zucchero
200 g golden syrup
whiskey
vaniglia
noci


Impastare tutti gli ingredienti come per una normale frolla (la particolarità di questo impasto è che non ha bisogno di riposo in frigorifero).
Stendere l'impasto e riempire le formine da tartelletta precedentemente imburrate.
Bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta.


A questo punto preparare il ripieno: sbattere le uova e lo zucchero con una frusta a mano, aggiungere il burro ammorbidito, la farina, il sale, 1 cucchiaio di whiskey, 1 cucchiaino di essenza di vaniglia, il golden syrup e amalgamare bene.


Spezzettare un po' di noci, versarle sul fondo delle tartellette, coprire con il ripieno, decorare con gherigli di noce interi e infornare a 180° per circa 20 minuti.


Sfornare, lasciar raffreddare leggermente e sformare le tartellette adagiandole su una gratella fino a completo raffreddamento.


Ovviamente, dopo aver riempito tutte le formine per tartellette che avevo, con la restante pasta sono riuscita a fare una crostata di 22 cm di diametro...hanno festeggiato le colleghe di mia sorella!!!

Zucca di halloween...a metà



Ho comprato uno stampo a forma di zucca (in silicone) e - per non sbagliare le dosi visto cha ha forma e dimensioni particolari - ho deciso di realizzare la ricetta contenuta nella confezione.... era meglio se facevo di testa mia... invece di una zucca ho ottenuta una ciambella!!!



150 g zucca pulita
3 uova grandi
130 g zucchero
75 g olio di semi
150 g farina 00 + 1 cucchiaino lievito
1 pizzico sale
1 cucchiaino cannella in polvere
50 g noci


Grattugiare la zucca.
Sbattere le uova e lo zucchero con uno sbattitore elettrico fino ad avere un composto soffice e cremoso.
Aggiungere la zucca, l'olio, la farina setacciata con il lievito, il sale, la cannella e le noci spezzettate.
Versare nello stampo e infornare a 170° per 1 ora.
Lasciar raffreddare e sformare.

Ceci con uvetta e pinoli



Questa ricetta l'ho trovata sul web qualche anno fa...l'avevo scaricata e mai realizzata...oggi mi è capitata l'occasione....non posso però citare la fonte esatta perchè non me la ricordo.....sigh!





1 scatola ceci
2 cipolle rosse medie
60 g uva sultanina
40 g pinoli
prezzemolo
aceto balsamico
olio evo


Scolare i ceci e sciacquarli.
Tagliare le cipolle a fette sottili e metterle a soffriggere con qualche cucchiaio di olio evo.
Nel frattempo ammollare l'uvetta in acqua calda.
Una volta che le cipolle sono appassite, aggiungere i ceci, l'uvetta strizzata, i pinoli, un goccio d'acqua e lasciar cuocere coperto per 15 minuti.
Spegnere, aggiungere un po' di prezzemolo tritato e una spruzzata di aceto balsamico.
Attendere qualche minuto e servire.

Farinata di ceci







...ovviamente mi ritrovo sempre in casa ingredienti prossimi alla scadenza...in questo caso la farina di ceci e allora ho deciso di fare una bella "cecina" prendendo spunto da questa ricetta di Giallo Zafferano.


300 g farina di ceci
900 ml acqua
sale
1/2 bicchiere olio evo + quello per la teglia




Per prima cosa ho stemperato - con una frusta a mano - la farina nell'acqua e l'ho messa a riposare - coperta - per circa 7 ore.
A questo punto ho eliminato - con un mestolo forato - la schiuma formatasi in superficie (molto poca), ho aggiunto un pizzico di sale e l'olio, mescolando molto bene.
Ho unto 2 teglie di 26 cm di diametro con dell'olio evo, vi ho versato il composto suddiviso in 2 parti e ho infornato a 220° per circa 20 minuti.
Ho passato le due "cecine" sotto il grill per pochi minuti, le ho sfornate e tagliate a quadrotti.